Perché andare a Kos

Per passeggiare nel castello medievale costruito dai Cavalieri dell’Ordine di San Giovanni, rivivere l’atmosfera eroica e ricca di magia della Kos di quei tempi, della cristianità opposta all’islam, delle lotte feroci per il predominio sui mari e sulle terre, delle spedizioni dei crociati delle incursioni dei pirati.

i bastioni del Castello di Kos
i bastioni del Castello di Kos

•Per godere di gusti ed odori che provengono dall’Asia Minore, così vicina che sembra toccarla, e così permeata nella cultura di Kos, come il piccolo villaggio di Platani, a 3 chilometri dal capoluogo, abitato per la quasi totalità da una comunità turca, con tanto di moschea e di locali dove si servono specialità provenienti da quella regione, le migliori dell’isola, dicono gli isolani di Kos.

•Per vagabondare nella città vecchia, tra le centinaia di negozi, per scoprire le opere dell’artigianato tradizionale locale, che fanno capolino tra le montagne di souvenir.

•Per visitare il famoso Asklepieion, il tempio costruito dagli abitanti di Kos in onore ad Esculapio, il dio della medicina venerato sull’isola, ed in tutta la Grecia.

•Per assaggiare “il domataki”, questo dolce particolare fatto di piccoli pomodori, che trovate nei caffè tradizionali e nelle numerose pasticcerie di Kos, insieme ad altre prelibatezze che miscelano sapientemente i frutti ed i prodotti di quest’isola fertile, miele, olio vini e frutta.

•Per andare in bicicletta sui lunghi viali accanto al mare, sotto un arco di palme , come se foste in un film degli anni ’60.

•Per fare una visita al mercato comunale, variopinto, abbondante di offerte e pittoresco, pieno di colori e di sapori, in cui potrete vedere, toccare ed acquistare le prelibatezze dell’isola.

•Per visitare e provare la sensazione piacevole e curativa delle sorgenti di acqua calda, testimonianza della natura vulcanica dell’isola, a Therme beach, con il suo magico cerchio di pietre in cui ribolle l’acqua tiepida, oppure visitare un biotopo unico degli stagni salati, ricchi di vegetazione lussureggiante e di specie di uccelli rari ed altri animali, ad Alikes, appena fuori da Tingaki,

•Per gustare un caffè a Tzia, godendovi un panorama strabiliante ed un tramonto mozzafiato.

•Per visitare le vicine isole di Kalymnos, Nisyros e Pserimos, o spingervi fino a Bodrum sulla costa turca, l’antica Alicarnasso, distante appena 4 miglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *