Isola di Simi

Un vero e proprio paradiso terrestre, questo l’esclamazione più comune per chi approda via nave all’isola di Simi, nel cuore dell’arcipelago del Dodecanneso, nel cuore del Mare Egeo di fronte alla costa turca.

Vi si arriva via mare, in traghetto ed aliscafo, e da subito si resterà fortemente colpiti dalla bellezza del paese, costituito dai due borghi di Ano Simi e Gialos, che costituiscono il nucleo abitato dell’isola. Architettonicamente è un vero spettacolo. Qui l’amministrazione pubblica ha da sempre impedito la crescita urbanistica selvaggia, e le case, dal tipico frontone neoclassico e dipinte di tanti vivaci colori sembrano un vero e proprio sipario teatrale, reso ancora più pittoresco dalle acque bli del mare.

Simi
Simi

A Simi è un must aggirarsi per vicoli e stradine, ammirando i cortili verdeggianti, le attività artigianali ancora molto praticate, sostare nei piccoli caffè e nelle taverne dove si può facilmente socializzare con la popolazione locale, di proverbiale ospitalità.

Non mancano a Simi incredibili panorami di mare, alcuni raggiungibili solo via mare in escursione, altri invece noleggiando un motorino, il mezzo ideale per spostarsi sull’isola. Tra quelli più noti il piccolo villaggio di Nimborio, con uno splendido panorama di spiaggette raccolte, oppure Panormitis, una stretta insenatura tra alberi e mare blu sovrastata dal monumento più conosciuto dell’isola, il monastero dell’Arcangelo Michele.

Anche il piccolo villaggio di Pedi ad est del capoluogo merita una visita, con le sue belle spiaggette ed il suo piccolo porticciolo.

Tra le più popolari spiagge raggiungibili via mare la splendida Marathounda e la stretta, pittoresca insenatura di Aghios Giorgos Dissalona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *